Professione

Vietate le tariffe minime inderogabili se stabilite dalla categoria senza l’avallo dello Stato

di Marina Castellaneta

Se le norme interne bloccano ogni possibilità di accordo tra cliente e avvocato per stabilire un onorario inferiore a quello fissato da un’organizzazione forense non controllata dall’autorità pubblica, si violano le norme Ue sulla libera concorrenza. Quindi, se un consiglio di un ordine forense di uno Stato membro non agisce come «emanazione della pubblica autorità» ma come organizzazione di categoria, il divieto di determinare onorari più bassi e l’impossibilità per il giudice di liquidare questi...