Controlli e liti

Bancarotta fraudolenta per l’amministratore che non svaluta il credito inesigibile

di Ferruccio Bogetti e Gianni Rota

La mancata svalutazione in bilancio di un credito inesigibile in caso di successivo fallimento dell’impresa comporta l’imputazione di bancarotta fraudolenta impropria in capo all’amministratore per due ragioni. A livello qualitativo, sotto due profili che entrambi rivelano l’elemento soggettivo del reato commesso dall’amministratore: l’apposizione di una voce falsa nel bilancio per occultare il dissesto che indica la consapevolezza dell’inesigibilità del credito, l’artificioso proseguimento dell’...