Adempimenti

Impatriati, il cambio di lavoro non blocca la detassazione

di Pierpaolo Ceroli e Paola Bonsignore

I lavoratori impatriati che hanno i requisiti per poter beneficiare degli incentivi fiscali per l’attrazione del capitale umano in Italia, ex articolo 16 comma 2 Dlgs 147/2015, non dovranno preoccuparsi se nel corso dei 24 mesi lavorati all’estero hanno cambiato datore di lavoro. Sul punto, il Mef, nel corso del question time dello scorso 31 luglio tenutosi in commissione Finanze alla Camera ( clicca qui per consultarlo ), ha chiarito che il requisito della «continuità del rapporto di lavoro» è soddisfatto...