Controlli e liti

L’onere della prova sui movimenti bancari spetta al contribuente accertato per Iva e Irpef

di Roberto Bianchi

Nell’ambito dell’accertamento ai fini delle imposte sui redditi e sull’Iva, nel caso in cui l’accertamento realizzato dall’Amministrazione Finanziaria venga argomentato dalle risultanze dei conti correnti bancari, l’onere probatorio dell’Ufficio viene soddisfatto, nel rispetto di quanto disposto dall’articolo 32 del Dpr 600/1973, mediante le informazioni risultanti dai conti sopra richiamati, determinando un’inversione dell’onere della prova a carico del contribuente, il quale deve dimostrare che...