Imposte

Studi di settore, la doppia franchigia indica la gravità

di Ferruccio Bogetti e Gianni Rota

Sono legittimi gli accertamenti basati sugli studi di settore se gli scostamenti tra ricavi dichiarati e presuntivamente determinati risultano «gravi», sia in valore assoluto che in valore relativo. Fino al 2010, per legge, tale gravità era definita rispettivamente pari ad almeno 50mila euro e pari ad almeno il 40%, rispetto ai valori dichiarati. Sono queste le conclusioni della Ctr Lombardia 192/32/17 (presidente Izzi, relatore Santamaria Amato)....

Un idraulico consegue nel 2007 e nel 2008 ricavi per...