Controlli e liti

Un «guantometro» stana-evasori

di Laura Ambrosi

Legittimo l’accertamento all’odontoiatra fondato sul numero di guanti monouso acquistati nel corso dell’anno: un dato che potrebbe indicare, secondo la comune esperienza, compensi non dichiarati. A fornire questo interessante principio è la Corte di cassazione con l’ ordinanza n. 4168 depositata ieri. L’agenzia delle Entrate notificava a un odontoiatra, titolare di due studi professionali, un avviso di accertamento fondato sulla ricostruzione analitico-induttiva dei ricavi. In particolare, secondo...