Imposte

Concordato in continuità: la sopravvenienza è detassata in parte

di Michele Brusaterra

La sopravvenienza attiva, derivante da falcidia di debiti a seguito di concordato in continuità, è detassata per la parte che eccede le perdite di periodo e pregresse, anche trasferite al consolidato, la deduzione di periodo Ace e quella riportabile, nonché gli interessi passivi eccedenti il Rol.

Con l'interpello n. 85 del 26 novembre 2018, l'agenzia delle Entrate entra nel merito della normativa contenuta nell'art. 88, comma 4-ter, secondo periodo, Tuir, disposizione di non facile lettura soprattutto...