Contabilità

Due strade in bilancio per l’iscrizione delle passività «probabili» e «possibili»

di Giorgio Gavelli e Fabio Giommoni

Molte voci di bilancio sono caratterizzate da valori soggettivi, frutto di processi valutativi in cui la cui discrezionalità è guidata dai principi contabili. Come evidenziato dal documento di ricerca della Fondazione nazionale commercialisti intitolato «Le passività potenziali: valutazione ed iscrizione in bilancio», datato 14 ottobre (si veda Il Sole 24 Ore del giorno successivo), in base agli Oic le passività che alla data di chiusura dell’esercizio risultano “probabili” devono essere iscritte...