Finanza

Società di trading sotto Cfc solo per attività intercompany

di Diego Avolio e Benedetto Santacroce

In base alla direttiva Atad, potrebbero essere escluse anche le controllate estere che svolgono funzioni distributive. Restano dubbi sulla corretta individuazione dei «passive income»: uno dei parametri utili a individuare i soggetti che ricadono nel regime delle «Controlled foreign companies».

(AdobeStock)
(AdobeStock)

La prossima dichiarazione dei redditi sarà il banco di prova per la prima applicazione della nuova normativa sulle Cfc (Controlled foreign companies) come modificata dal decreto legislativo 142/2018 di recepimento della direttiva Atad. Prima di allora il Mef e l’agenzia delle Entrate sono però chiamati a chiarire i punti dubbi della disciplina.

I soggetti inclusi
Per effetto della nuova formulazione dell’articolo 167 del Tuir, in vigore a decorrere dal periodo d’imposta successivo a quello ...