Adempimenti

Impatriati, per il bonus servono due anni

di Pierpaolo Ceroli e Luisa Miletta

Per i lavoratori che puntano al rientro in Italia, due anni di residenza all’estero costituiscono un tempo minimo sufficiente, in presenza degli altri requisiti, per accesso al regime fiscale degli impatriati.

Questo il chiarimento dell’agenzia delle Entrate giunto ieri con la risoluzione n. 51/E. L’istante aveva interpellato l’ufficio per chiedere se integrasse il possesso dei requisiti per poter accedere ai benefici previsti dall’articolo 16 del Dlgs n. 147 del 2015.

I soggetti individuati per beneficiare...