Esperto RispondeImposte

Nel bonus «Formazione 4.0» anche la fattura della società di consulenza

di Gabriele Ferlito

La domanda

Una Srl non soggetta all’obbligo di certificazione di bilancio nel 2020 sostiene costi per personale dipendente oggetto poi di bonus formazione 4.0. Nel 2021 riceve dal professionista la relazione/certificazione richiesta dalla normativa dove si attesta la quota di costo dei dipendenti sostenuti nel 2020. Da tale certificazione risultano costi pari a 100 euro. Sempre nel 2021 si riceve fattura datata 2021 da tale professionista per la certificazione rilasciata e fattura da azienda per tale consulenza e supporto alla formazione. Poiché il bonus in compensazione può essere sostenuto nell’anno successivo ai costi di formazione, quindi dal 2021, si chiese se per il 2021 si potrà utilizzare solo il 50% dei costi 2020 per i dipendenti (nell’esempio il 50% di 100 euro) e nel 2022 il costo per intero della relazione del professionista inferiore ai 5.000 euro o nel 2021 si potrà fruire di euro 50 più 5.000 (consulenza). La fattura 2021 dell’azienda di formazione può essere computata?
V.C. - Cesena

Il credito d’imposta formazione 4.0 è stato introdotto dall’articolo 1, commi 46–56, legge 205/2017 (cosiddetta legge di Bilancio 2018), con il fine di incentivare le imprese nel processo di trasformazione tecnologica e digitale. In particolare, la misura agevolava il costo del personale dipendente rapportato alle ore di formazione. L’agevolazione è stata in seguito prorogata e ampliata. Da ultimo, la legge di Bilancio 2021 (legge 178/2020) ha prorogato l’agevolazione fino al 31 dicembre 2022, individuando...