Esperto RispondeImposte

Ace e acconti, l’importo deducibile non va ricalcolato

di Gianluca Dan

La domanda

Nel calcolare le imposte versate a giugno 2017, un'impresa individuale in contabilità ordinaria (molto patrimonializzata) ha ricalcolato gli acconti per tener conto delle modifiche previste dal Dl 50/2017, che ha ridotto l'aliquota all'1,6% per il 2017. È corretto tale comportamento? Se nel corso del 2017 si verifica un'eccedenza Ace rispetto al reddito d'impresa, determinata da un'eventuale riduzione del reddito, è possibile riportare tale eccedenza all'anno successivo o convertirla in credito Irap? Il credito è soggetto al visto di conformità? Cosa accade, ad esempio, se il reddito è “zero” e l'agevolazione Ace è 30mila euro? - S. T. CATANIA

Per un’impresa individuale in contabilità ordinaria, la deduzione Ace corrisponde al rendimento nozionale del nuovo capitale proprio, determinato – per il periodo d’imposta in corso al 31 dicembre 2016 – applicando l’aliquota del 4,75% all’incremento del capitale (rispetto a quello esistente alla chiusura dell’esercizio in corso al 31 dicembre 2015), sommato alla differenza fra il patrimonio netto al 31 dicembre 2015 e il patrimonio netto al 31 dicembre 2010 (si veda l’articolo a fianco).

L’aliquota...