Esperto RispondeAdempimenti

In caso di irregolarità scattano le sanzioni per «dichiarazione infedele»

di Rosanna Acierno

La domanda

Per una errata indicazione di un reddito diverso nel quadro Rl di unico (sezione iii anzichè sezione i) emerge un credito d’imposta inferiore a quello dichiarato. Forse per aver beneficiato di una deduzione forfettaria delle spese anzichè dell’indicazione analitica? L’ufficio notifica un verbale di accertamento per infedele dichiarazione con sanzioni incredibilmente elevate. Ora, in mancanza di un danno erariale, dal momento che i redditi sono stati tutti dichiarati, non era sufficiente rilevare la non corretta imputazione del reddito e ridurre semplicemente il credito? A questo punto è opportuno fare ricorso?

Ove emergano irregolarità in merito alla correttezza e veridicità dei dati esposti in dichiarazione, oltre al recupero dell’imposta o del credito accertati, l’agenzia delle Entrate è legittimata a irrogare le sanzioni da dichiarazione infedele. In particolare, l’articolo 1, comma 2 del Dlgs n. 471/97 prevede la sanzione dal 90% al 180% della maggiore imposta o della differenza del credito utilizzato se nella dichiarazione è indicato, ai fini delle singole imposte, tra l’altro, un credito superiore...