Esperto RispondeImposte

Per quantificare i beni giacenti in magazzino si adotta il prezzo medio di mercato

di Gianluca Dan

La domanda

Un imprenditore individuale, esercente l’attività di rivendita al minuto di oggetti preziosi, vorrebbe cessare la propria attività autofatturando le giacenze di magazzino. Poiché la maggior parte dei prodotti in giacenza risulta particolarmente datata, il valore normale di magazzino ad oggi è di gran lunga inferiore rispetto a quanto riportato sia in contabilità sia nelle dichiarazioni dei redditi succedutesi nel tempo. Si chiede se il valore da indicare per i beni autoconsumati sia quello di acquisto o possa essere riportato quello attuale di mercato sia ai fini Iva che per le imposte dirette.
P.C. – Latina

A norma dell’articolo 57 del Tuir si comprende tra i ricavi d’impresa anche il valore normale dei beni destinati al consumo personale o familiare dell’imprenditore. Il valore normale viene indicato dallo stesso Tuir all’articolo 9, comma 3, ove per valore normale si intende il prezzo mediamente praticato per i beni della stessa specie o similari, in condizioni di libera concorrenza e al medesimo stadio di commercializzazione, nel tempo e nel luogo in cui i beni sono stati acquisiti, e, in mancanza...