Imposte

Spese di sanificazione, per il tax credit fatture sempre con Iva esposta

di Marco Magrini e Benedetto Santacroce

In breve

L’addebito dei corrispettivi per le prestazioni di sanificazione va indicato in fattura con applicazione del regime di Iva esposta e separatamente le prestazioni di pulizia, in regime di reverse charge in presenza di committente soggetto passivo Iva. Laddove invece la fatturazione dovesse risultare unitaria, ricomprendendo indistintamente pulizia e sanificazione, si dovrà applicare il regime dell’Iva esposta in tutti i casi.

La fatturazione delle spese di sanificazione degli ambienti di lavoro previste dall’articolo 64 del Dl 18/2020 convertito dalla legge 27/2020 pubblicata sulla «Gazzetta Ufficiale» del 29 aprile, per le quali può competere il credito d’imposta nella misura del 50%, può esporre a rischi di errore prestatore e cessionario quando l’intervento di sanificazione si configura come prestazione di servizi....

Infatti queste prestazioni possono essere rese da soggetti che ordinariamente erogano servizi di pulizie...